Ristrutturazione unità residenziali indipendenti – Corticella

Anno

2021 – 2023

Committente

Privato

Luogo

Corticella (RE)

Incarico

Progettazione Architettonica, Direzione Lavori, Coordinamento Sicurezza, Pratiche per ottenimento del Superbonus 110%

L’intervento ha comportato la ristrutturazione completa di un fabbricato composto da due unità immobiliari indipendenti costruito nel 1959, e poi modificato a metà degli anni ‘80.
Obiettivi della committenza: ridurre i consumi energetici, creare spazi più fruibili al piano terra e ridurre il rischio sismico attraverso interventi che risultassero non troppo invasivi.
L’involucro è stato isolato con un cappotto esterno in lana di roccia dello spessore di 18 cm e aerogel a basso spessore.
In una delle due unità immobiliari è stato isolato internamente il solaio di copertura con pannelli di polistirene dello spessore di 14 cm coperti da un controsoffitto in cartongesso.
Nell’altra unità immobiliare, che confina con sottotetto non riscaldato, è stato isolato l’estradosso del solaio.
Tutti gli infissi sono stati sostituiti con nuovi in pvc adeguati alle trasmittanze di legge.
Per una delle due unità immobiliari è stato sostituito l’impianto termico esistente con un nuovo impianto ibrido costituito da generatore a pompa di calore + caldaia a condensazione che alimentano pannelli radianti a pavimento al piano terra e elementi radianti a parete ai piani superiori. È stato inoltre installato un impianto fotovoltaico della potenza di 6kw e accumulo della potenza di 10kw.
Gli interventi qui elencati hanno consentito il passaggio dalla classe energetica G alla classe energetica A4 per l’unità immobiliare lato est e dalla classe energetica F alla classe energetica B per l’unità immobiliare lato ovest.

Le modifiche interne più consistenti hanno riguardato l’unità immobiliare posta ad est: gli ambienti al piano terra sono stati completamente rivisti andando a creare un ampio locale adibito a soggiorno con angolo cottura al quale si accede da ingresso su cortile esclusivo posizionato sotto una pensilina a sbalzo. In questo ambiente si trova una scala in legno a vista che consente di accedere al locale soppalco: uno spazio dove è possibile isolarsi ma che, grazie alla parete in vetro che si affaccia sulla doppia altezza, consente di mantenere il contatto visivo con quello che succede al piano terra.

Dal punto di vista sismico è stata realizzata una platea sottofondazione in cemento armato e inserite catene metalliche in corrispondenza dei solai.
Lo spostamento di una porta su muro portante è stato reso possibile con la realizzazione di una cerchiatura metallica.
Sono poi stati realizzati altri interventi di riparazione e rafforzamento per evitare ribaltamenti di pilastri, realizzazione nuova pensilina a sbalzo con travi ipe, miglioramento dei collegamenti tettoia/muro e realizzazione di un pilastro aggiuntivo per migliorare il comportamento statico della tettoia esistente.

Contattaci

"*" indica i campi obbligatori

Nome e cognome*
Privacy Policy*